La dichiarazione di Cesare Damiano, Concetta Raia, Antonio Montagnino, Renzo Bufalino

(ANSA) – PALERMO, 12 DIC – “Come LaburistiDem, a causa delle continue e ripetute violazioni di regolamenti e Statuto, avallate anche dalla Commissione nazionale di Garanzia, riteniamo che non ci siano le condizioni per svolgere le primarie del Congresso regionale siciliano del Partito Democratico, di cui chiediamo il rinvio”. Lo dicono Cesare Damiano, Concetta Raia, Antonio Montagnino, Renzo Bufalino. “La violazione più grave ed eclatante – continua – è la pretesa posticipazione dei congressi di circolo e provinciali rispetto alle primarie regionali che, oltre che andare contro le norme statutarie e regolamentari, rappresenta anche una condizione di illogicità manifesta. Coloro che decidono di gestire il Congresso in maniera palesemente irregolare e che pretendono di imporre l’anticipazione del Congresso regionale non hanno affatto l’obiettivo di ricostruire il Partito e recuperare credibilità e consenso nei confronti di elettori e simpatizzanti, ma hanno come priorità quella di esibire una prova muscolare che sarebbe assolutamente deleteria per il futuro del Partito e della nostra isola”. “A rendere evidente la necessità di un rinvio è, peraltro, il rischio – aggiungono – che, in assenza di regole certe, il dato che uscirà dalle urne possa risultare alterato con una conseguente delegittimazione di chi risulterà vincitore”. (ANSA).

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi