Pubblichiamo una nota dei Laburisti Dem dell’Umbria sul percorso verso le elezioni politiche del 4 marzo.

I laburisti Democratici dell’Umbria, già nella fase dei congressi Provinciali e comunali avevano dichiarato la propria contrarietà ad un metodo esclusivo e verticistico di assumere decisioni.
Unici ad aver presentato una piattaforma programmatica di confronto con i candidati alle segreterie, si chiedeva tra le altre cose di: “… uscire dalla propria autoreferenzialità ed utilizzare tutti gli strumenti, comprese le primarie, per evitare che i ‘listini bloccati’, frutto della legge elettorale in approvazione, determinino una quota importante di ‘nominati’ senza passare per un sano confronto democratico”.
Chiedevamo come Laburisti democratici ai candidati segretari provinciali e comunali : “… una vera riforma del Partito, che superi le attuali federazioni e si riorganizzi in livelli intercomunali, che trasformi i circoli in luoghi del progetto e della partecipazione. Chiediamo ai candidati di lavorare per una alleanza politica e sociale per sostenere i temi dello sviluppo e dalla coesione sociale; chiediamo ai candidati segretari di uscire dal circolo poco virtuoso del Partito ‘fortino’, dove si va avanti solo per accordi tra correnti, e di avviare una nuova stagione. I nostri valori stanno in un centro sinistra dove pari opportunità, lavoro, Stato sociale, accoglienza, cultura, ambiente, beni comuni (come acqua e scuola), mal si coniugano con idee e politiche di gruppi o partiti di centro destra”.
Temi non affrontati, che oggi ci ritroviamo in tutta la loro complessità e che costituiscono un forte elemento di instabilità e di vuoto di linea politica. Un modo troppo superficiale e personale di gestire il Partito che non ci appartiene e non appartiene alla storia dei movimenti popolari e riformisti.
Chi ha un ruolo guida deve assumersi la responsabilità di sintesi e non quella di aggiungere ulteriori elementi divisivi. Ribadiamo con forza quello che diciamo da tempo, pensiero, il nostro, quindi non contingente: è un errore ed è dannosa la sovrapposizione tra incarichi amministrativi ed incarichi apicali del Partito, produce sfiducia ed anarchia generalizzata impegnare in prima persona i vertici del Partito nelle candidature di tutti i livelli e gradi.
La campagna elettorale sarà dura ed il Partito doveva essere messo al riparo da inutili tensioni, aprirsi, coinvolgere ed allargare la partecipazione. Si è scelta ancora la strada sbagliata dell’autoreferenzialita. Il percorso fatto fin qui per la definizione delle candidature alle elezioni politiche del 4 marzo esclude iscritti ed elettori del PD, riportando le lancette dell’orologio indietro nel tempo e concentrando le decisioni o su tavoli romani o su quelli “esclusivi” regionali.

Noi non facciamo parte, per scelta, di nessun organo esecutivo del PD Umbro e non siamo coinvolti in nessun tipo di trattativa, non partecipiamo ad un percorso che riteniamo sbagliato nei toni e nei modi, ma chiediamo chiarezza sul progetto politico.
La fase che stiamo vivendo è particolarmente complicata e leggere le dichiarazioni scomposte di alcuni autorevoli membri delle varie segreterie, a diversi livelli, testimonia ancora una volta di come sia oggi mal interpretato il ruolo di dirigente politico, si tende a rappresentare una parte e quasi mai l’insieme.
Facciamo nostra la lettera del segretario provinciale del PD di Reggio Emilia che ha aperto ad una partecipazione larga ed inclusiva un metodo semplice che avremmo fatto bene ad emulare: “Qui vigono rigore, rispetto e cura della politica, che per noi è prima di tutto persone. Che coincide con le persone. Per questo nei prossimi giorni sarete chiamati a un momento di partecipazione e condivisione su idee e pensieri e su quali gambe quelle idee e pensieri possono correre velocemente subito e realizzarsi al meglio poi. Non si tratta di una lotteria, ma di un momento di riflessione vera, proprio del nostro popolo che verrà messo a disposizione della Direzione nazionale del nostro Partito. Perché di questo abbiamo bisogno nella corsa verso il 4 marzo. “ Il 4 marzo eleggiamo i nostri parlamentari ed il nostro popolo chiede chiarezza, protagonismo ed una classe dirigente adeguata allo scopo. Avere chiesto alla nostra gente cosa ne pensava doveva essere atto dovuto è necessario per un Partito con i nostri valori. Come dice nella lettera il segretario della Federazione di Reggio Emilia i percorsi politici vanno fatti: “non è una lotteria”.

Perugia, 18 gennaio 2018

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi